Roberto Grossatesta

Vita e opere. Scienziato, filosofo, traduttore dal greco, l’inglese Roberto Grossatesta (1170ca.-1253) fu erede della tradizione scientifica di Hereford, primo maestro della scuola francescana di Oxford, e, dal 1235, vescovo di Lincoln. Una tradizione biografica, oggi discussa, pone Grossatesta primo cancelliere designato, e, contestualmente, maestro di teologia nel 1214, alla fondazione dell’Università. Al decennio 1220-1230 risale la quasi totalità della sua produzione scientifica e filosofica, che comprende un ampio commento agli Analitici Secondi, un commento alla Fisica, primi commenti latini di cui abbiamo testimonianza, e numerosi scritti di filosofia naturale. All’ultima fase di magistero, corrispondente all’insegnamento di teologia nella scuola dei francescani, appartengono le sue opere esegetiche. La sua attività intellettuale proseguì negli anni dell’episcopato: coadiuvato dai Minori (Ordini mendicanti), in particolare dall’amico e allievo frate Adamo Marsh, imparò il greco, aiutandosi col Suda, tradusse opere patristiche e aristoteliche: l’Etica Nicomachea, accompagnata da commenti tardoantichi, parte del De coelo, i Testamenti dei dodici patriarchi, e gli scritti dello pseudo-Dionigi. Fu preso a modello da Giovanni Wyclif e dai riformatori hussiti (Giovanni Hus) per la sua vigorosa azione pastorale, di denuncia contro gli abusi della curia papale e del clero. Fra suoi numerosi scritti pastorali merita ricordare il poema teologico “Castello d’amore” (Château d’Amour), una allegoria in anglo-normanno che ebbe vastissima diffusione.

Scienza e metodo scientifico. L’interesse per le arti del quadrivio ad Oxford sviluppò un’ampia riflessione sul metodo scientifico e sulla matematica, ed un’attenzione particolare all’accrescimento delle conoscenze naturali. Un ruolo fondamentale fu svolto dalla riflessione sugli Analitici Secondi, l’opera in cui Aristotele aveva definito le condizioni di validità della dimostrazione, che pose il problema della conoscenza degli oggetti sensibili, in cui le premesse del ragionamento sillogistico sono dedotte dall’esperienza. Roberto Grossatesta fu il primo ad elaborare queste tematiche. Nel suo Commentario ai Secondi Analitici egli distingue fra opinione, intelletto e scienza. L’opinione è l’accettazione di una verità contingente, colta nel suo essere materiale e mutevole, dunque è un livello indeterminato del conoscere. L’intelletto è invece una sorta di vista intellettuale (visus mentalis): ciò che gli è visibile è la realtà intelligibile, percepita grazie ad una luce spirituale (lumen spirituale) che illumina intelletto e intelligibile. L’intelletto è il principio della scienza, perché coglie i primi principi della dimostrazione, sulla quale è fondata la scienza. Essa, infatti, è conoscenza che si acquista sulle cose visibili per il tramite di elementi necessari e certissimi, cioè i primi principi. Nel campo della conoscenza naturale l’acquisizione di questi elementi certissimi costituisce il problema dell’induzione. La definizione di un fenomeno è la definizione delle condizioni della sua produzione, che Grossatesta identificò con le quattro cause aristoteliche; essa si ottiene attraverso il duplice procedimento della resolutio e della compositio: ovverosia (1) classificando per somiglianze e differenze gli elementi costitutivi del fenomeno e dandone così una definizione; e, (2) sistemando le proposizioni che definiscono l’oggetto in modo tale da mostrare la derivazione delle più particolari dalle più generali, così che il rapporto fra generale e particolare risulti un rapporto di causa ed effetto. Infatti, dal momento che conosciamo a partire dai principi, dobbiamo risalire “dal tutto completo che conosciamo confusamente” a agli aspetti di essi “per mezzo dei quali è possibile definire il tutto” per ottenere una conoscenza determinata di qualcosa. Complementare a questo metodo euristico è la ricerca di un metodo di verificazione o falsificazione della conoscenza ottenuta; a questo punto lo scienziato deve ricorrere nuovamente all’esperienza. “Esperimento” ha in Grossatesta un significato circoscritto alla constatazione che il nesso causale individuato a partire dai dati sensibili ha un effettivo riscontro nei fatti; non implica cioè né la riproduzione artificiale delle condizioni dell’esperienza né il ricorso alla misurazione. Dalla visione sensibile, che ha per oggetto individui particolari, si passa dunque ad una “visione” degli universali, che permette anche nella conoscenza naturale di parlare di scienza. Tuttavia, se la scienza degli enti separati (logici e metafisici) non è possibile all’uomo, “per la loro lontananza dal senso e per la sottigliezza della propria natura”, che li rende inattingibili alla vista intellettuale, la mutevolezza degli oggetti naturali rende pur sempre probabile la loro conoscenza. Scienza vera e propria risulta allora essere per Grossatesta solo la matematica, che dà insieme conoscenza e dimostrazione, e che può costituirsi come strumento anche della fisica.

Cosmologia e filosofia naturale. La fondazione matematica delle scienze naturali viene sostenuta particolarmente nei trattati che concernono la luce e l’ottica: De luce, De motu corporali et luce, De lineis, angulis et figuris, De iride. Benché la matematica non possa infatti di per sé rintracciare le cause degli effetti naturali, essa può descriverli. L’insistenza sulla visibilità che la geometria conferisce alle ragioni dei fenomeni naturali costituisce il motivo di fondo della gnoseologia grossatestiana, radicata sulla teoria agostiniana dell’illuminazione, alla quale si salda la visione cosmologica di origine neoplatonica, che spiegava la creazione come la moltiplicazione del punto di luce creato da Dio. Nel trattato De luce, l’origine dell’atto creativo dell’universo è nel punto luminoso che si espande sfericamente, estendendo la materia informe e divenendone, perciò, la prima forma o “corporeità”; un tema, quello della comune corporeità generatrice della tridimensionalità, ripreso dalla speculazione araba ed ebraica, in particolare da AvicennaAlgazel, e Avicebron. All’estrema regione dell’universo, il firmamento, si genera secondo Grossatesta una nuova entità, il lumen, che nel suo processo di ritorno verso il centro del mondo opera una progressiva compressione del sinolo materia/luce, generando in tal modo i nove cieli e le sfere dei quattro elementi. Nell’ambito del mondo elementare il lume scaturito dal firmamento, dai cieli e dalla stessa materia elementare opera come agente causale in ogni cambiamento e trasformazione dei composti grazie alla sua capacità di incorporarsi negli enti naturali per poi fuoriuscirne, alterandone la composizione o permettendo la relazione di un corpo con un altro. La sua azione si riconduce a ciò che nei trattati di ottica Grossatesta chiama virtù, specie o forza (virtus, species, similitudo): “L’agente naturale estende la sua forza da se stesso fino al paziente, sia che agisca sul senso, sia sulla materia” (De lineis, angulis et figuris). Ora, poiché è la luce il principio attivo della materia, il rapporto di forza fra corpo agente e paziente è interpretato dalle leggi dell’ottica, fondata sulla geometria. E’ evidente, in questo contesto, il richiamo alla dottrina kindiana dei raggi e alla tradizione ottica araba, che eserciterà un influsso determinante anche nell’opera scientifica di Ruggero Bacone, grande ammiratore e forse allievo del Lincolniense. La forza, secondo Grossatesta, agisce in linea retta e la sua azione è rappresentabile con le leggi ottico/geometriche della retta che cade su un solido. Se si frappone un corpo opaco o uno specchio la sua azione verrà rappresentata dalle leggi che definiscono il fenomeno della rifrazione o della riflessione. L’applicazione di queste leggi nell’ambito della filosofia naturale è esemplificata ad esempio nel trattato De iride, ove per la prima volta si attribuisce il fenomeno dell’arcobaleno alla rifrazione della luce solare, e non alla riflessione. Anche altre manifestazioni della luce, come il calore e il colore, e soprattutto fenomeni non luminosi, come il suono, il tatto e le altre sensazioni, le maree, la nebbia, la neve, i climi vengono in ultima istanza ricondotti, in numerosi scritti ad essi dedicati, al principio dell’incorporazione del lumen celeste negli enti naturali e alla sua propagazione dal corpo al senziente o all’ambiente circostante.

Metafisica della luce e teologia. Abbiamo visto come la filosofia naturale di Grossatesta si fondi sull’idea di un universo fatto e compenetrato dalla luce, e come la teoria della conoscenza si basi sul tema agostiniano dell’illuminazione. Questi due temi preludono ad una più organica visione metafisica, che, anche se non sistematicamente delineata, costituisce il contesto dottrinale nel quale si colloca la filosofia di Roberto Grossatesta e che è generalmente definito come metafisica della luce. Nel suo vasto commento alla Genesi (Hexaemeron), Roberto afferma che ogni forma esistente è un qualche genere di luce (aliquod genus lucis). Essa infatti ha il potere di auto-generarsi e auto-moltiplicarsi, manifestando se stessa e, insieme, rendendo palese l’esistenza di ogni ente, di cui è forma prima. Semplicissima e priva di parti, indifferenziata e fonte di ogni differenziazione, essa consente di concepire la dialettica trinitaria. Dio è interamente uguale a se stesso e nella sua assoluta semplicità è capace di generare rimanendo il generato della stessa natura del generante: “lumen de lumine, deus de deo”. Legata al tema trinitario, la concezione esemplaristica di Dio “prima forma e forma di tutte le cose” (nello scritto De unica forma omnium) consente di mettere in relazione ogni creatura col suo creatore, ogni intelletto, umano e angelico, con la fonte che lo irradia, non in senso panteistico, ma in funzione esemplaristica, ove l’unico Verbo diviene modello ed esemplare di tutte le cose: “Nella perfetta semplicità della prima luce i principi della conoscenza (principia cognoscendi) e i principi dell’essere (principia essendi) coincidono” (McEvoy, Gli inizi, p. 77). Il tema dominante della teologia e metafisica grossatestiana si completa con altri temi teologici strettamente collegati: la Sapienza che si identifica con la Bibbia e la centralità della figura di Cristo, la cui opera di salvezza consistette nella volontaria scissione dell’anima dal corpo, una concezione del tutto originale della Passione. Grossatesta, inoltre, estese la prova ontologica dell’esistenza di Dio elaborata da Anselmo alla volontà: elaborando il concetto di bene o amore di cui non si può pensare nulla di più alto. Il tema dell’amore per Dio è declinato nei temi complementari dell’amore materno del maestro per il discepolo e dell’amore coniugale, e la traduzione dell’Etica aristotelica permise a Grossatesta di confrontare la tradizione cristiana con il contesto classico delle virtù etiche. (CP)

Bibliografia

Edizioni
Die philosophischen Werke des Robert Grosseteste, Bischofs von Lincoln, ed. Baur Ludwig, Aschendorff, Münster 1912 (Beiträge zur Geschichte der Philosophie des Mittelalters 9) (scritti scientifici)
Roberti Grosseteste Episcopi Lincolniensis Commentarius in VIII libros physicorum Aristotelis, ed. Dales Richard, University of Colorado Press, Boulder, Col. 1963
Robert Grosseteste, Hexaëmeron, ed. Dales Richard C.-Gieben Servus, Oxford University Press, New York 1982 (Auctores Britannici Medii Aevi 6)
Il Commento di Roberto Grossatesta al «De mystica theologia» del Pseudo-Dionigi Areopagita, ed. Uderico Gamba, Vita e Pensiero, Milano 1942 (Orbis Romanus 14)
Panti Cecilia, Moti, virtù e motori celesti nella cosmologia di Roberto Grossatesta. Studio ed edizione dei trattati «De sphera», «De cometis», «De motu supercelestium», SISMEL-Edizioni del Galluzzo, Firenze 2001 (Testi e studi per il «Corpus Philosophorum Medii Aevi» 16)
Robertus Grosseteste, Commentarius in Posteriorum Analyticorum Libros, ed. Pietro Rossi, L.S. Olschki, Firenze 1981 (Corpus Philosophorum Medii Aevi. Testi e studi 2)
The Writings of Robert Grosseteste Bishop of Lincoln (1235-1253), ed. S. Harrison Thomson, Cambridge University Press, Cambridge 1940 (catalogo delle opere)

Traduzioni italiane
Gian Carlo Garfagnini, Aristotelismo e scolastica, Loesher, Torino 1979 (Filosofia 19) (passi dai commenti ai Secondi Analitici e alla Fisica)
Gian Carlo Garfagnini, Cosmologie medievali, Loescher, Torin 1978 (Storia della scienza 4) (Sulla luce, Sulla generazione delle stelle)
Roberto Grossatesta, Metafisica della luce. Opuscoli filosofici e scientifici, cur. Pietro Rossi, Rusconi, Milano 1986 (I classici del pensiero. Sezione II. Medioevo e Rinascimento)

Risorse on-line
http://www.grosseteste.com
http://www.fh-augsburg.de/~harsch/Chronologia/Lspost13/Grosseteste/gro_intr.html

Studi
Aspectus et affectus. Essays and Editions in Grosseteste and Medieval Intellectual Life in Honor of Richard C. Dales, cur. G. Freibergs, AMS Press, New York 1993
Alistair C. Crombie, Robert Grosseteste and the Origins of Experimental Science 1100-1700, Clarendon Press, Oxford 1953
James McEvoy, Gli inizi di Oxford. Grossatesta e i primi teologi, Jaca Book, Milano 1996 (Eredità medievale 5)
James McEvoy, Robert Grosseteste, Exegete and Philosopher, Variorum, Aldershot 1994 (Collected Studies Series 446)
James McEvoy, The Philosophy of Robert Grosseteste, Clarendon Press, Oxford 1982 (rpt. 1986)
Robert Grosseteste Scholar and Bishop. Essays in Commemoration of the Seventh Centenary of His Death, cur. Daniel A. Callus, Clarendon Press, Oxford 1955
Robert Grosseteste. New Perspectives on his Thought and Scholarship, cur. James McEvoy, Brepols, Turnhout 1995 (Instrumenta patristica 27)
Richard W. Southern, Robert Grosseteste: The Growth of an English Mind in Medieval Europe, Clarendon Press, Oxford 1986 (2a ed. 1992)

Fonte: Università di Siena – Facoltà di lettere e filosofia
Manuale di Filosofia Medievale on-line



Categorie:C08- XIII Secolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

IASS-AIS

International Association for Semiotic Studies - Association Internationale de Sémiotique

NUOVA STORIA VISUALE - NEW VISUAL HISTORY

STORIA DELLE IDEE E DELLA CULTURA - HISTORY OF IDEAS AND CULTURE

LINGUE STORIA CIVILTA' / LANGUAGES HISTORY CIVILIZATION

LINGUISTICA STORICA E COMPARATA / HISTORICAL AND COMPARATIVE LINGUISTICS

TEATRO (E NON SOLO) - THEATRE (AND NOT ONLY)

Testi, soggetti e ricerche di Antonio De Lisa - Texts, Subjects and Researches by Antonio De Lisa

TIAMAT

ARTE ARCHEOLOGIA ANTROPOLOGIA // ART ARCHAEOLOGY ANTHROPOLOGY

FILOSOFIA COMPARATA- ORIENTE/OCCIDENTE

Comparative Philosophy – East / West

ORIENTALIA

ARTE E ARCHEOLOGIA / ART AND ARCHEOLOGY

IMMAGINISMO- VERSO UN'ARTE ORGANICA - IMAGINISM- TOWARD AN RGANIC ART

UNA TEORIA ESTETICA DELLA PITTURA E DELLE ARTI - AN AESTHETIC THEORY OF PAINTING AND ARTS

LOST ORPHEUS ENSEMBLE

Da Sonus a Lost Orpheus: Storia, Musiche, Concerti - History, Music, Concerts

Il Nautilus

Viaggio nella blogosfera della V As del Galilei di Potenza

SONUS ONLINE MUSIC JOURNAL

Materiali per la musica moderna e contemporanea - Contemporary Music Materials

WordPress.com News

The latest news on WordPress.com and the WordPress community.

ANTONIO DE LISA OFFICIAL SITE

Arte Teatro Musica Poesia - Art Theatre Music Poetry - Art Théâtre Musique Poésie

IN POESIA - IN POETRY - EN POESIE

LA LETTERATURA COME ORGANISMO - LITERATURE AS AN ORGANISM

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: